Opera: "Essenza Vitale" di Maria Teresa Sabatiello

Essenza Vitale (Vital Essence)

Dimensioni: cm 31 x 17 x 28 circa
Anno: 2012
Informazioni: contatta direttamente l’Artista
Raggiungere il mio mare, colui che scolpisce le Anime di Pietra, non è una ricerca a tutti i costi, non è dover prendere una pietra qualunque. E’ un percorso, un viaggio, e non sempre torno in studio con qualcosa tra le mani, a volte “non scelgo”. Lei, ho dovuto prenderla.
Quel cuore di pietra ha rapito il mio, immediatamente. Sbalordita da tanta perfezione, per un’evidenza che sembrava incredibile, l’ho accarezzata a lungo travolta dallo stupore e da un profondo sentimento di rispetto per quel messaggio così prezioso che mi veniva, in quel momento “recapitato”.

When I come to the sea, the sculptor of my Spirits in Stone, I might not necessarily find a stone; it’s not just a question of taking any stone. It’s a path, a journey, and I don’t always come back to my studio with a find: sometimes I don’t choose anything. When I saw this one, I had to take her.                        That heart of stone immediatelycaptured mine. Stunned by such perfection, such an evident design, I caressed this stone for a long time, feeling overwhelmed by amazement and a deep feeling of respect for the precious message that had been “delivered” to me. 

La voce di Essenza Vitale: “La vita è un recipiente, un raccoglitore, una sorta di “cesto” all’interno del quale le esperienze vissute si affastellano, apparentemente a caso… possiamo indagarne il contenuto, “smuoverlo”, ma alcuni “oggetti” li troveremo sempre, li scorgeremo nel “cesto” di ognuno di noi. Guarda: scoprirai i momenti di felicità: i gioielli. Le decisioni prese e le scelte compiute: le ramificazioni. Le tentazioni o le sviste: i serpenti. I ricordi, i rimorsi, i travagli segreti nascosti tra le pagine di un libricino giallo con la copertina strappata. Il tempo della leggerezza: il ventaglio. Ma… soprattutto: il Cuore.
Lo hai riconosciuto subito in me, rosso, vivo, un po’ sofferente, segnato, ma netto e pulsante, anche se una ferita recente è ancora evidente.
Quella spina lo ha scalfito, ma lui è bellissimo, e sorveglia e preserva tutto il resto…”

The voice of Essenza Vitale: “Life is a receptade, a container, a sort of “basket” where we gather our experiences, apparently at random… we can delve into the contents, shake them up a little if we like, but there are some objects that will always be there, that we will always find in our “basket”. Take a look and you will see moments of happyness: the jewels. Decisions made and choices taken, branching out. Temptations or oversights: the snakes. Memories, regrets and secret ordeals, concealed between the pages of a yellow book with a torn cover. Moments of lightness: the fan. But… above all: the heart.                                                                            You recognised it right away: red, vibrant, no doubt troubled and scarred, but clearlyvisible and beating, despite bearing a recent wound.                                    Scratched by that thom, but still beautiful, watching over and protecting everything else…”